A1/M: AMSICORA - BONOMI PARI E PATTA

Termina in parità, 1 a 1, tra Amsicora e Bonomi, due squadre che interpretano un hockey divertente, giocato a ritmi forsennati, che bada al sodo ma con un occhio sempre rivolto allo spettacolo.

Risultato giusto, nel complesso. I primi due quarti di gara hanno visto prevalere i padroni di casa, i secondi il Bonomi, ma nessuna delle due compagini ha dominato sull’altra.

Al 5’, dopo una prima fase di studio, l’Amsicora va in vantaggio con Davide Giuliani che spizza dentro area, spalle alla porta, un preciso assist di Tisera.

È l’episodio chiave del primo mini-tempo che si conclude sull’1 a 0 per i sardi.

In avvio del secondo quarto viene fischiato il primo corto della partita in favore del Bonomi, che esalta le doti del portiere cagliaritano Manca, il quale si esibisce in una parata difficilissima, quanto spettacolare, sul conseguente drag flick lombardo.

Al 14’ arriva il secondo corto per i lomellini, ma ancora una volta la difesa amsicorina ha la meglio.

Su questa azione si chiude il secondo quarto, con l’Amsicora sempre in vantaggio per 1 a 0.

Alla ripresa del gioco immediata occasione per la squadra di casa, sventata dall’altrettanto bravo estremo difensore lombardo Padovani, che poco dopo replica sul tiro di corto - il primo per l’Amsicora - di Carta.

Qualche cartellino di troppo, elargito con generosità dalla coppia arbitrale nei confronti di entrambe le formazioni, per lo più ingiustificati in un incontro all’insegna del fair play, costringe i verdi in nove per diversi minuti, ma gli ospiti non ne approfittano, anche se hanno una chiara occasione da rete sotto porta che va di poco a lato.

Al 7’ si registrano un nuovo corto per i lomellini e un altrettanto monumentale parata di Manca.

Al 10’ è la volta dell’Amsicora a prendersi il corto. Il tiro di Giustini è deviato in corner lungo.

Due minuti dopo è ancora corto per l’Amsicora. Stavolta è Agabio a presentarsi in zona tiro ma il suo tentativo è fuori.

Terzo quarto che si chiude con i verdi sempre in vantaggio per 1 a 0.

Al 3’ il Bonomi guadagna un altro corto che si conclude con un nulla di fatto.

Sono sempre i lombardi ad attaccare nel tentativo di pareggiare i conti e in un paio di occasioni non violano per un soffio la porta difesa da Manca.

L’Amsicora, comunque, non sta a guardare, e risponde in contropiede, creando più di un grattacapo a Padovani e compagni.

A due minuti dalla fine la chiave di volta dell’incontro: su una pallina controllata da Ursone in area amsicorina viene fischiato un rigore quanto meno discutibile per fallo di Polo, che dalla tribuna è apparso ai più inesistente.

Ma come diceva Boskov, “rigore è quando l’arbitro fischia” e lo stesso Ursone consente al Bonomi di pervenire al pareggio finale.

Risultato giusto, come detto in apertura, anche se per il modo in cui è maturato lascia l’amaro in bocca a Mureddu e compagni, che oggi ci hanno provato in tutti i modi a vincerla, questa partita.

Di fronte, la squadra dell’altro gemello Angius, Stefano, ha disputato un match a viso aperto, con un’organizzazione di gioco e numeri d’alta scuola che la collocano giustamente nella parte alta della classifica.

Da oggi i lombardi scivolano al terzo posto per la concomitante vittoria della Tevere Eur per 5 a 2 contro il Cus Pisa, che così resta da sola a inseguire i campioni d’Italia in carica del Bra, oggi fermati al Maxia dalla Ferrini sull’1 a 1. Ormai sono due i punti che separano i piemontesi dai laziali.

Proprio la prima della classe sarà di scena domani alle 10 a Ponte Vittorio.

Sarà sicuramente un altro incontro tiratissimo, tra due squadre che nell’ultimo quinquennio se le sono sempre date di santa ragione (sportivamente parlando).

12.05.2018 Luigi Rocchigiani – S.G. Amsicora -

Sport: 

CORSI AVVIAMENTO ALLO SPORT

 

Società Sportiva Amsicora Cagliari

Amsicora

Questo è il sito della Società Sportiva Amsicora di Cagliari. Al suo interno è possibile trovare notizie, foto e video degli sport praticati

Contatti