A1/M AMSICORA, TRA LUCI E OMBRE, PAREGGIA, VINCE E SPERA

Un pareggio e una vittoria. La due giorni nel Triveneto ha fruttato quattro punti agli uomini di Roberto Carta, che lasciano impregiudicate le speranze di riagguantare il secondo posto, ora saldamente occupato dall'SH Bonomi, vittoriosa in entrambe le gare del week end.

Amsicora dai due volti, quella vista sabato a Padova.

Avvio in sordina - per non dire in catalessi - primo tempo che scivola via senza sussulti da ambo le parti, con un unico tiro in porta di marca cagliaritana che non impensierisce i padroni di casa. Gioco che latita, molti sbadigli e poche emozioni, la prima frazione si chiude a reti inviolate.

Nella ripresa l'Amsicora si ricorda di essere l'Amsicora e prova a pungere con maggiore incisività.

Al primo corto della gara va in goal, bravo Giustini a finalizzare, malgrado uno stop non impeccabile.

I Verdi, rinfrancati dal vantaggio, prendono in mano il pallino del gioco ma il CUS Padova non sta a guardare e risponde in maniera ordinata. Il pareggio arriva su un cross teso dalla sinistra che Ceolin spizza in rete. Questo, almeno, stando al referto dei direttori di gara. Mureddu e compagni, infatti, reclamano per un lungo non concesso perché il tocco finale sarebbe stato di un difensore cagliaritano (di Lai, per l'esattezza). A parte questo, sull'1 a 1 l'Amsicora prova a riportarsi sopra e conquista altri due corti che né Giaime Carta, prima, né Lorrai, dopo, riescono a concretizzare. Alcuni tentativi degli avanti amsicorini si perdono sul fondo o vengono neutralizzati dai padovani.

Sul finire dell'incontro l'estremo difensore cagliaritano Manca sbroglia una situazione che rischiava di tramutarsi in beffa per i Campioni d'Italia, fermando così il risultato sul definitivo 1 a 1.

Di tutt'altra musica l'incontro di domenica in casa dell'AR Fincantieri.

Gara condotta dall'inizio alla fine dai Verdi, che schiacciano nei loro ventidue i monfalconesi ma che, secondo un cliché visto troppo spesso in questo campionato, a fronte delle tante chiare occasioni da rete create, non riescono ad infilare la porta avversaria.

Partita a senso unico, dunque, per l'Amsicora, che ci prova in tutti i modi a portare a casa i tre punti, con la Fincantieri che, a parte un contropiede sventato dai difensori cagliaritani, non si affaccia mai nella metà campo avversaria, totalizzando zero tiri in porta. Chiuso il primo tempo sullo 0 a 0, si prosegue fino allo scadere con i cagliaritani in attacco, che tra corti, tiri salvati sulla linea - clamorosi quelli di Mura e Angius - non riescono ad espugnare il fortino di casa.

Come tante volte capita, è un episodio a decretare le sorti dell'incontro allo scadere. A poco più di trenta secondi dal triplice fischio, i Verdi conquistano infatti un rigore, contestatissimo dai monfalconesi, al termine di un'azione di corto. Lo specialista Giaime Carta non sbaglia e consegna i tanto agognati tre punti alla sua squadra.

Alla fine sono due episodi, uno a favore e uno contro, a decidere per Mureddu e compagni questo duplice impegno in trasferta. I limiti evidenziati in attacco dagli amsicorini costituiscono un fronte su cui riflettere e lavorare da qui alla fine del torneo. Certamente gli scontri diretti con le battistrada saranno la chiave di volta per capire se e come l'Amsicora metterà il suo sigillo su questo campionato.

03.04.2017 Ufficio Stampa Amsicora

Sport: 

Anno: 

CORSI AVVIAMENTO ALLO SPORT

 

Società Sportiva Amsicora Cagliari

Amsicora

Questo è il sito della Società Sportiva Amsicora di Cagliari. Al suo interno è possibile trovare notizie, foto e video degli sport praticati

Contatti